Una nuova strada per risolvere i conflitti

Spesso, quando si è di fronte ad una controversia di carattere legale, si pensa che l’unica strada
percorribile sia quella giudiziaria, che passa per il tribunale e giunge al termine dopo mesi e mesi di processie spese ingenti. In realtà, l’ordinamento mette a disposizione dei cittadini uno strumento stragiudiziale molto più rapido, economico e conveniente, che prende il nome di mediazione civile.
L’Italia è particolarmente arretrata sotto questo aspetto rispetto al resto d’Europa, anche se la ministra della giustizia Cartabia ha previsto l’incentivazione di procedure stragiudiziali nella prossima riforma della giustizia.

DI COSA SI TRATTA
La mediazione civile e commerciale è una negoziazione che ha lo scopo di condurre due o più parti in conflitto ad una risoluzione amichevole, grazie alla guida imparziale di un mediatore professionista.
L’accordo raggiunto in tal modo ha la stessa e cacia di un titolo esecutivo. Proprio a causa dello scarso utilizzo di questo strumento stragiudiziale, che può apportare enormi benefici alle parti in causa, nel nostro Paese la figura del mediatore civile e commerciale è ancora piuttosto rara e sottovalutata. Per questo diventa essenziale, in previsione di un futuro con meno processi e più pacificazioni a titolo privato, il ruolo degli enti di formazione come MPR – Mediatori Professionisti Roma, che dal 2014 si occupa di fornire servizi di formazione e consulenza nell’ambito della mediazione civile e commerciale. In quanto organismo di formazione autorizzato dal Ministero della Giustizia, MPR eroga e promuove corsi di formazione per mediatori che si rivolgono a qualunque target.

Visualizza l’articolo di Repubblica