ACQUISTO PRIMA CASA: AIUTI DAL FONDO MUTUI DELLA CONSAP

Se sei un giovane lavoratore e hai difficoltà ad accendere un mutuo per acquistare casa, un aiuto può arrivare dal Fondo mutui prima casa, istituito dal Ministero dell’Economia e gestito da Consap Spa.
Tale Fondo rilascia garanzie nella misura massima del 50% della quota capitale su mutui
ipotecari connessi all’acquisto e a interventi di ristrutturazione e accrescimento di
efficienza energetica di immobili adibiti ad abitazione principale.
L’importo del mutuo non deve essere superiore ad € 250.000 e deve essere concesso da
una banca aderente all’iniziativa, sulla base del Protocollo d’Intesa tra il Ministero
dell’economia e l’Abi (Associazione bancaria italiana).

Chi può fare domanda?
Chi non sia proprietario di altri immobili ad uso abitativo, ad eccezione di quelli ricevuti per
successione anche se in comunione con altri coeredi e per quelli concessi in uso gratuito
dai genitori. Non sono previsti limiti di reddito né di età dei richiedenti.

Quali sono i requisiti preferenziali per accedere al mutuo?
1. Giovani coppie sposate o conviventi che hanno costituito nucleo familiare da
almeno due anni, in cui uno dei due deve avere meno di 35 anni;
2. Famiglie monogenitoriali con almeno un minore a carico;
3. Lavoratori con meno di 35 anni e con un contratto di lavoro atipico (a tempo
determinato, part time, a progetto, occasionale);
4. Inquilini che vivono in alloggi di proprietà di Iacp o Aterp.

Quali devono essere i requisiti degli immobili?
1. Devono trovarsi in Italia
2. Non devono rientrare nelle categorie di lusso (A1, A8 e A9)
3. Essere destinati ad uso esclusivamente abitativo

Come si presenta la domanda?
La domanda deve essere presentata ad una delle Banche aderenti all’iniziativa, il cui
elenco si trova sul sito Abi.
Alla domanda devono essere allegati: 1. Documento di riconoscimento; 2.
Autocertificazione Isee; 3. Una certificazione che attesti che la persona che fa richiesta
non sia proprietaria di alcun immobile; 4. La copia del contratto di lavoro.