LA MEDIAZIONE PER DONARE CASA CON L’USUCAPIONE

Le ultime novità in tema di donazione di un immobile con l’usucapione.

Di solito l’usucapione prevede una conflittualità tra il titolare dell’immobile e il possessore. Quest’ultimo agisce contro il primo per ottenere dal giudice l’accertamento dell’usucapione e il trasferimento della proprietà nei pubblici registri. Infine la sentenza definirà la vicenda.
Se anche l’intento del proprietario della casa è quello di eseguire una donazione, in presenza di un possesso per almeno 20 anni da parte dei figli, questi potrebbe trasferire loro la proprietà facendo ricorso all’usucapione. Ma per tutte le controversie aventi ad oggetto questioni di diritti immobiliari, tra cui appunto l’usucapione, è obbligatorio – prima di avviare una causa – tentare una mediazione e le parti interessate dovranno parteciparvi personalmente, assistite dal proprio avvocato.
Vi è di più: affinché il tentativo di mediazione abbia valore l’accordo di mediazione, che si andrà a raggiungere, deve essere poi autenticato dal notaio, il quale deve identificare i soggetti, procedere con le ispezioni ipotecarie e ottenere le dichiarazioni e le certificazioni richieste in materia urbanistica e per accertare la conformità catastale dell’immobile.